HomeDove siamoAttivitàCome siamoTempo liberoStoria judoDizionarioLinkDownloadContatto





A

Agatsu, Vittoria su se stessi. Vincere le proprie debolezze

Age, Sollevato, alto

Ageru, Sollevare

Age tsuki, Pugno verso l’alto

Age uke, Parata verso l’alto

Ago, Mento

Ago oshi, Spingere il mento (Ju no kata)

Ago tsuki, Colpo di pugno al mento (Kodokan goshin jutsu)

Agura, Posizione a gambe incrociate

Ai, Spirito, forza universale che mantiene l’armonia

Ai Ai, Armonizzarsi

Ai gamae, Posizione naturale prima di un attacco, di fronte all’avversario

Ai Hanmi, Posizione simmetricamente uguale di tori e uke

Aiki, Unione del Ki, impassibilità del guerriere la cui forza è tutta in hara

Aikido, Via dell’unione del Ki, armonia con l’energia dell’universo

Aikijutsu, Arte dell’unione del Ki

Aikikai, Associazione dell’Aikido

Aiki ho, Dottrina della non resistenza all’avversario

Aiki no sen, Nel Judo: prendere vantaggio da una posizione dell’avversario

Aiki nuke, Sfuggire, evitare l’attacco

Aiki okami, Grande spirito dell’Aiki

Aiki otoshi, Proiezione con sollevamento delle gambe

Aikitaiso, Ginnastica dell’Aikido, centrata su respirazione e concentrazione

Aikuchi,  Pugnale simile al tanto ma privo di tsuba

Ai nuke, Conservazione reciproca

Aisuru, Amare

Aite, Attaccante, avversario

Ai uchi, Uccidere contemporaneamente, reciproca distruzione

Ai yotsu, Nel judo, presa effettuata in modo simmetrico, entrambe a destra o a sinistra

Aka, rosso

Anza, Nel Judo: posizione seduta con la gamba sinistra piegata e le mani appoggiate sulle ginocchia (katame no kata)

Aoi/Aoiro, Blu

Aomuke ni, Sul proprio dorso

Appaku, Pressione

Arashi, Tempesta

Arigato, Grazie

Asahi, Sol levante

Ashi, Piede/gamba/arto inferiore

Ashi garami, Torsione della gamba (Katame no kata)

Ashi guruma, Ruota sulla gamba (tecnica di proiezione)

Ashi kubi, Caviglia

Ashi sabaki, Spostamento dei piedi

Ashizoku, Collo del piede

Ashi waza, Tecniche che utilizzano l’arto inferiore

Atama, Testa

Ataru, Toccare

Ate, Colpo, relativo a tecniche utili per colpire

Atemi, Colpi, tecniche per colpire punti vitali

Atemi waza – Ate waza, Tecniche d’attacco ai punti vitali

Awaseru, Sommare

Awasete, Somma, sommato, in tutto

Ayumi, Marcia

Ayumi ashi, Andatura normale

Ayumu, Camminare

 

 

B

Ba, Luogo, posto

Barai, (nig. Vedi Harai)

Basami (nig. Vedi Hasami)

Batto jutsu, Arte dello sguainare la spada

Benkei, Cavità poplitea, interno del ginocchio

Biraki, Apertura

Bo, Bastone lungo di legno (cm 160-280)

Bogyo, Difesa

Bogyo no waza, Tecniche di difesa

Bo jutsu, Arte del combattimento con il bastone

Boken – Bokken, Spada di legno di cm 105 ca, di quercia rossa (akagi), o bianca (shiragashi), di nespolo (biwa) o di ebano (koutan)

Boku, Albero

Bokuto, Spada di legno

Boshi, Polizia

Bu, Combattimento, “fermare la lancia”, riconciliazione con l’universo

Budo, Via della guerra

Budoka, Chi pratica le arti marziali

Bugei, Arti marziali

Bujin, Uomo di guerra

Buki, Arma

Buki waza, Tecniche con armi

Bushi, Guerriero, cavaliere feudale

Bushido, Via del guerriero, codice d’onore dei bushi

Butsukari, Esercizio di studio delle tecniche in movimento, anche uchikomi

 

 

C

Cha, Tè

Ch’an, Buddismo Zen in cinese

Cha no yu, Cerimonia del tè

Chi, Saggezza, intelligenza, terra

Chiburi, Movimento brusco del polso per eliminare il sangue dalla spada

Chichi, Capezzolo

Chikama, Distanza ravvicinata

Chikara, Forza

Chikara no dashi kata, Estensione della potenza

Chikara no koioku, Corretto uso dell’energia

Chikara o dasu, Estendere la propria potenza

Chikara o ireru, Usare la propria forza

Chinkon kishin, Aiutare qualcuno a ricongiungersi con lo spirito universale

Chi no kokyu, Respiro della terra

Chinto, Gru sulla roccia, Kata di karate

Choku, Diretto

Chokuritsu shisei, Posizione eretta con i talloni uniti

Chokusen, Diretto

Choku tsuki, Pugno diretto (Kodokan goshin jutsu)

Chowa, Evitare, schivare

Chu, Mediano , lealtà

Chudan, Addome medio, plesso solare

Chui, Punizione, sanzione disciplinare

Chushin, Il proprio centro

 

 

D

Dai, Grandezza

Daidaiiro , Arancione

Dai do, La Via Maestra

Dai sho, Coppia di spade formata da katana e wakizashi

Daito, Spada lunga

Daku, Prendere fra le braccia

Daki age, Sollevare abbracciando (tecnica di proiezione)

Damashi, Spirito, fantasma e per estensione inganno, disorientamento nel senso di mostrare il fantasma di qualcosa che non c’è

Damashi waza, Nel Judo: attacco successivo ad una finta

Dan, Graduazione delle cinture nere

Dan tsuki, Pugno consecutivo

Dansha, Nelle arti marziali chi è cintura nera, portatore di dan

Daore, (nig. Vedi taore)

Daochi (nig. Vedi taoshi)

De, Avanzante, che esce

De ashi barai, Spazzare il piede che avanza (tecnica di proiezione)

Denbu, Glutei

Denshi, I libri con i principi segreti di un’arte marziale

Deru, Avanzare

Deshi, Discepolo

Do, Via, cammino, percorso di ricerca. E’ lo stesso ideogramma del cinese Tao

Do, Grado

Do, Tronco del corpo

Do no tanden , Allenamento della parte mediana del corpo

Dogi, Uniforme da allenamento. Termine generico

Doji, Simultaneo

Do jime, Soffocamento per compressione del tronco

Dojo, Luogo dove si percorre la via, palestra

Dojo cho, Capo o responsabile del dojo

Dojokun, Regole di comportamento nel dojo

Dojo yaburi, Incursione in un dojo concorrente

Domo, Tanto

Domo arigato gozaimashita, “Molte grazie” ringraziamento formale a fine lezione

Dori, Presa

Doshu, La persona che insegna la Via, Capo

Dozo, “Prego, favorite”

 

 

Ebi, Gambero, aragosta

Eisho-ji,Tempio di Eisho, dove è sorto il Kodokan

Embukai, Dimostrazione aperta al pubblico

Embusen, Punto di partenza per l’esecuzione di un kata

Empi, Gomito

Empi uchi, Colpo portato col gomito

Ensho, Tallone

Eri, Presa alta del keikogi, bavero

Eri dori , Presa al bavero

Eri jime, Strangolamento con l’uso del bavero

Eri kuatsu, Metodo di rianimazione tenendo il collo

Eri kubi dori, Presa al collo

Eir seoi nage, Proiezione sul dorso utilizzando un bavero

 

 

F 

Fu, Vento

Fudo, Immobile, fermo

Fudo dachi, Posizione consolidata

Fudo no shisei, Posizione immobile

Fudoshin, Imperturbabile, mente immobile

Fujoshi, Donna sposata

Fujoshi-jo-goshin no kata, Difesa personale per donne e ragazze

Fukai, Profondo

Fuku shidoin, Assistente istruttore

Fukuappagi, Polpaccio

Fukushin, Giudice

Fumi, Colpo di tallone

Fumikomu, Avanzare all’indietro

Fumi komi futon, Materasso in cotone

Funakogi, Remare

Funakogi undo, Esercizio del rematore

Furi age, Sollevato per colpire dall’alto (Kodokan goshin jutsu)

Furi hanashi, Liberare con forza

Furi oroshi, Percuotere dall’alto (Kodokan goshin jutsu)

Furitama/Furutama, Stabilizzare il Ki, esercizio di concentrazione

Furyu,  Tradizione

Fusegi, Impostazione difensiva nella lotta a terra

Fusen gachi, Vittoria per abbandono

Fusensho, Vittoria per errore

Futari, Due persone

Futari dori, Tecniche con attacco contemporaneo di due persone

 

 

G 

Ga, Io

Gachi, (nig. Vedi Kachi)

Gaeshi, (nig Vedi Kaeshi)

Gake, (nig. Vedi Kake)

Gaku, Diploma rilasciato al budoka per l’acquisizione di un grado

Gamae, (nig. Vedi Kamae)

Gaman kamae, Posizione d’attenti

Ganmen, Viso, faccia

Ganmen tsuki, Colpo di pugno al viso (Kodokan goshin jutsu)

Ganseki, Roccia

Ganseki otoshi, Caduta pesante

Garami , (nig. Vedi Karami)

Gari, (nig. Vedi Kari)

Gashuku, Alloggi degli studenti per l’allenamento

Gassho, Posizione di concentrazione a mani unite

Gatame, (nig. Vedi Katame)

Gawa, Lato

Ge, Basso, inferiore

Gedan, Basso ventre, addome inferiore

Geiko, (nig. Vedi Keiko)

Gekken, Scherma giapponse

Gekkenka, Schermidore

Genshin, Intuizione, quasi sesto senso, dell’azione dell’avversario

Geri, (nig. Vedi Keri)

Geta, Zoccoli di legno tradizionali

Gi, Onore, giustizia

-Gi, Suffisso per indicare un capo d’abbigliamento (es. judogi)

Gimu, Impegno conseguente un debito di riconoscenza non estinguibile, verso i genitori o l’imperatore

Giri, (nig. Vedi Kiri)

Giri, Impegno conseguente un debito di riconoscenza

Go, Cinque

Go, Rompere, bloccare

Go dan, Quinto grado

Go no bogyo, Difesa con la forza, bloccando

Go no sen, Difesa e contrattacco, prendere l’iniziativa dopo l’attacco di uke

Goju, Duro e morbido

Goju, Cinquanta

 

 

H 

Ha, Bordo della lama, denti

Ha, Ala, penna, piuma

Ha, Nel Judo: aiuto del Maestro nella conoscenza dell’arte

Hachi, Otto

Hachiji dachi, Posizione naturale a gambe aperte pari alla larghezza delle spalle

Hachinoji dachi, Posizione a gambe larghe

Hadaka, A mani nude

Hadaka jime, Strangolamento a mani nude

Hai, Si

Hai dozo, Prego, esegui

Haimen, Posteriore, ultimo

Haimen tzuke, Attacco da dietro (Kodokan goshin jutsu)

Hairi, Entrata

Hairi kata, Modi di entrata, studio per arrivare al controllo

Hairu, Entrare

Haishin undo, Esercizio a coppie con flessione e stiramento della schiena

Haishu, Dorso della mano

Haishu uchi, Percossa col dorso della mano

Haishu uke, Parata col dorso della mano

Haisoku, Collo del piede

Haito, Palmo della mano

Haito uchi, Perossa col palmo della mano

Hai wan, Dorso del braccio

Hai wan nagashi uke, Parata col dorso del braccio facendo deviare il colpo

Hajime, Invito dell’arbitro a cominciare il combattimento: cominciate!

Hajimeru, Cominciare

Hakama, Ampi pantaloni del costume tradizionale dei samurai

Haku shu, Purificazione, saluto con due battiti delle mani

Han, Metà

Han, Indiretto

Hana, Naso

Han do, Via indiretta

Han do no kuzushi, Squilibrio dovuto a una finta

Hando, Contrazione, reazione

Han’ei, Prosperità

Hane, Saltato

Hane goshi, Tecnica di proiezione con “anca saltata”

Hane makikomi, Saltare arrotolandosi all’interno (tecnica di proiezione)

Hanma, Tecnica terapeutica

Hanshi, Titolo attribuito ai 9° e 10° dan per indicare il raggiungimento di un livello di perfezione

Hansoku, Infrazione, scorrettezza, azione vietata

Hansoku make, Sconfitta per sanzione arbitrale

Han sutemi waza, Tecniche di mezzo sacrificio

Hantai, Opposto, rovescio

Hantei, Richiesta di giudizio dell’arbitro rivolta ai giudici durante una gara

Happo, Otto direzioni

Happo giri, Taglio su otto lati

Happo undo, Esercizio delle otto direzioni

Happo no kuzushi, Squilibrio in otto direzioni

Hara, Centro dell’energia, poco sotto l’ombellico

Hara gatame, Controllo, leva fatta con il ventre

Haragei, Arte di concentrare pensiero, spirito ed energie vitali nell’hara

Harai, Spazzata

Harai goshi, Tecnica di proiezione con spazzata d’anca

Harai te, Spazzare con la mano

Harai tsurikomi ashi, Tecnica di proiezione con spazzata del piede e sollevamento

Harakiri, Uccidersi secondo il rituale del seppuku

Harau, Spazzare

Hasami, Forbici

Hasamu, Sforbiciare

Hazumi, Nel Judo: momento opportuno per effettuare una tecnica

Henka, Cambiamento, trasformazione

Heso, Ombelico

Heubo, Schiena, dorso

Hi, Prefisso che indica il contrario

Hidari, Sinistra

Hidari eri dori, Presa al bavero sinistro (Kodokan goshin jutsu)

Hidari ashi dachi, Posizione con la gamba sinistra avanti

Hidari jigo tai, Posizione di difesa con la gamba sinistra avanti

Hidari shizentai, Posizione naturale con la gamba sinistra avanti

Hi ga, Non solo io, noi e gli altri

Hige, Barba, baffi

Hiho, Metodo segreto

Hiji, Gomito

Hiji otoshi, Tecnica di proiezione afferrando entrambi i gomiti

Hijiri, Saggio

Hikidashi, Ritirarsi, spostamento dei piedi indietro prima della rotazione

Hiki otoshi, Far cadere tirando. Figura del Koshiki no kata

Hikite, Presa della mano usata per tirare

Hikiwake, Parità, incontro nullo

Hikkomi, Trascinamento a terra dell’avversario

Hikkomi gaeshi, Tecnica in cui si rovescia mediante trascinamento

Hikkomi waza, Tecniche consentite per il trascinamento a terra

Hikoki, Virata

Hiku, Tirare

Hima, Apertura

Hineri, Torsione

Hinerite, Torsione della mano

Hiraku, Aprire

Hishigu, Tendere, far leva, spezzare, rompere

Hitai, Fronte

Hito, Persona, essere umano

Hiza /Hitsui, Ginocchio

Hiza guruma, Tecnica di proiezione con ruota applicata al ginocchio

Hiza gashira, Rotula

Hiza suri, Strisciare le ginocchia

Hiza tsume, Avvicinare le ginocchia, distanza tra le ginocchia di tori ed uke nel Kime no Kata

Hyaku hachiju do, 180 gradi

Ho, Esercizio, lato , direzione

Hoho, Metodo, via

Hoko, Lancia

Hombu dojo, Palestra centrale

Hon, Fondamentale, origine, radice

Hon, Punto

Hon, Debito di riconoscenza

Hoten, Ruotare sul fianco

Hon kesa gatame, Controllo a fascia fondamentale

Hoten jime, Strangolamento fatto girando su un fianco

 

 

I 

Iai, Sguainare, arte dell’attacco

Iaido, La Via per sguainare la spada

Ibuki, Tecnica di respirazione sonora percettibile che parte dal ventre con effetto equiparabile al kiai

Ichi, Uno, primo (spesso si unisce a sostantivi dando origine ad una modifica eufonica come ikkyo invece di ichi kyo, ippon invece di ichi hon, ecc)

Ichiban, Primo, tutto ciò che è di prima qualità

Idori, Tecniche eseguite nella posizione inginocchiata nel Kime no kata

Iie, No

Iki, Respiro

Iki ai nagara, Avvicinamento e allontanamento

Ikioi, Nel judo: impeto che permette di effettuare una tecnica

Ikke issatsu, Uccidere con un colpo

Inazuma, Fulmine

Inko, Gola

Inno katsu, Tecnica di rianimazione con la manipolazione dello scroto

Ippon, Un punto

Ippon seoi nage, Proiezione sulla spalla per un solo punto

Irenai, Non entrare

Iri, Entrare, avanzare

Irimi, Entrare nell’attacco dell’avversario, entrata diretta in avanti

Irimi otoshi, Entrata decisa, per annientare l’avversario

Itori, Una persona

Itsutsu, Cinque

Itsutsu no kata, Kata dei cinque, ultimo kata realizzato da Jigoro Kano

Iwa nami, Frangenti sulla roccia. Figura del Koshiki no kata

 

 

J 

Ji, Parola, lettera

Ji, Tempio

Jin, Uomo, persona, benevolenza

Jiin no kokyu, Il respiro degli esseri umani

Jidai, Periodo

Jigo hontai, Posizione fondamentale di difesa a gambe larghe

Jigoku, Inferno

Jigoku jime, Strangolamento infernale

Jikan, Tempo limite, fermare

Jime, (nig. Vedi shime)

Jinja, Sacrario della religione Shinto

Jita kyoei, Amicizia e mutua prosperità

Jitsu /Jutsu, Arte, tecnica riferita ad arti marziali violente, da guerra, mentre il termine Do (Via) è usato per le arti non finalizzate alla guerra

Jitte, Arma a tre punte fatta per bloccare/rompere la spada del nemico ancora in uso presso la polizia giapponese

Jiyu waza, Tecniche libere, serie completa di tecniche utili per un attacco

Jo, Bastone medio-lungo (126 cm circa)

Jo, Alto, superiore

Jo, Donna non sposata

Jodan, Livello alto

Jodan, Parte superiore del corpo corrispondente al capo

Jo jutsu, Tecnica di bastone

Jokai, Tecnica di massaggio

Joseki, Lato superiore, di rispetto

Ju, Morbido, flessibile, adattabile, armonioso

Ju, Dieci

Judo, La via della cedevolezza, arte marziale

Judogi, Divisa per la pratica del Judo

Judojo, Luogo dove si pratica il Judo

Judoka, Praticante di Judo

Juji, Croce, incrociato

Juji nage, Proiezione a braccia incrociate

Ju jitsu/Jutsu, Arte, tecnica dell’adattabilità, della cedevolezza

Jukuryo, Pronto, risoluto

Ju no kata, Forma della cedevolezza

Ju shiki, Metodi della cedevolezza

Jushin, Centro della gravità

Ju tai, Morbido, cedevole

Ju tai jitsu, Tecnica del corpo cedevole

Ju yoku go o seiseru, La morbidezza vince la forza. Concetto base di tutto il budo

Junbi taiso, Esercizi di ginnastica

 

 

Ka, Professione (aggiunto ad un sostantivo assume il significato di esperto: es. judoka)

Kachi, Vittoria

Kachikake, Mento

Kaeshi, Scambio, inversione, contrattacco

Kaeshi waza, Tecniche di rovesciamento, di contrattacco

Kaete, “Voltatevi!”

Kagura mai, Danza degli Dei

Kagami, Specchio

Kagami biraki, Taglio della torta di riso. Cerimonia di apertura dell’anno judoistico giapponese che ha luogo all’inizio di gennaio presso il Kodokan.

Kagami miraki, Lustrare lo specchio ( movimento simbolico del Sei ryoku zen yo kokumin taiiku no kata)

Kaho, Verso il basso

Kai, Gruppo, associazione

Kaiden, Grado superiore attribuito anticamente al maestro che insegna

Kaisetsu, Spiegazione, interpretazione

Kaisho, Mano aperta

Kaite, Girare

Kaiten, Rotolato

Kaiten, Rotazione del corpo di 90° o 180° in funzione di un attacco

Kaiten ashi, Rotazione del corpo di 180° dopo aver fatto un passo in avanti

Kaiten nage, Proiezione in rotazione

Kaiten nage soto mawari, Proiezione in rotazione con uscita esterna del corpo

Kaiten nage uchi mawari, Proiezione in rotazione passando sotto il braccio

Kakae dori, Presa abbracciando da dietro (Kodokan goshin jutsu)

Kakaeru, Abbracciare

Kakari, Resistenza

Kakari geiko, Allenamento speciale con resistenza

Kakato, Tallone

Kakato geri, Calcio con il tallone

Kake, Proiezione, esecuzione

Kake, Agganciamento

Kakeai, Studio della proiezione

Kaku, Angolo

Kamae, Posizione di guardia (migi, hidari) assunta all’inizio di una tecnica

Kamaeru, Assumere una posizione

Kami, Dei, divinità

Kami, Lato superiore

Kami, Foglio di carta

Kami dana, Simbolica casa dello spirito del dojo

Kamikaze, Vento divino, nome attribuito all’uragano che spazzò via la flotta d’invasione mongola.

Kami shiho gatame, Nella lotta a terra: tecnica di controllo su quattro punti stando dal lato superiore

Kami tori, Presa per i capelli

Kamiza, Nel dojo, lato nobile dove è posto il ritratto del fondatore

Kampai, “Alla salute!” (nei brindisi)

Kampaku, Comandante in capo, titolo assunto da condottieri che non potevano diventare Shogun

Kan, Luogo, edificio

Kan, Inverno

Kani, Aragosta

Kani basami, Morso d’aragosta (tecnica di proiezione)

Kanji, Ideogramma (scrittura) di origine cinese

Kangeiko, Allenamento invernale

Kannagara no michi, La via degli imperatori giapponesi e degli Dei

Kannuki, Traverso

Kannuki gatame, Controllo del braccio di traverso

Kansetsu, Articolazione, giuntura

Kansetsu waza, Tecnica di torsione e lussazione articolare

Kansha, Gratitudine

Kao, Volto, faccia

Kappo, Contrazione di katsu ho

Kara, Da

Kara, Vuoto

Karada, Corpo umano

Karami, Torsione

Karamu, Torcere

Karatedo, La via della mano vuota

Kari, Falciata

Kashira gatame, Controllo sulla testa

Kasumi, Nebbia. Nel Judo; distrarre l’avversario

Kata, Spalla

Kata, Forma

Kata, Uno dei due

Kata dori, Presa alla spalla

Kata gatame, Controllo con la spalla

Kata guruma, Proiezione con ruota sulle spalle

Kata ha jime, Strangolamento con un braccio ad ala

Kata juji jime, Strangolamento a mani incrociate, con un braccio in posizione contraria all’altro

Kataki, Avversario

Kata mawashi, Far ruotate le spalle (Ju no kata)

Katame, Controllo

Katame no kata, Forme di controllo

Katame waza, Tecniche di controllo

Katana, Spada giapponese, col taglio sulla parte convessa

Kata osae gatame, Controllo con l’immobilizzazione della spalla

Kata oshi, Spingere la spalla (Ju no kata)

Katate age, Sollevare una mano (Ju no kata)

Katate dori, Presa ad un polso (Ju no kata)

Katate jume, Strangolamento con una sola mano

Katate ryote dori, Presa ad un polso con entrambe le mani

Kata ude dori, Presa ad un braccio (Kodokan goshin jutsu)

Katsu/Kuatsu, Riportare in vita, arte della rianimazione

Katsu ho, Metodo per rianimare

Katsu jin ken, “La spada che salva la vita”, risparmiare la vita dell’avversario

Katsugi, Caricamento sul dorso

Kawa, Pelle

Kawashi, Schivata

Kawazu, Cambiato, modificato

Kawazu gake, Proiezione cambiata, irregolare

Kazasu, Presa alta

KDK, Abbreviazione di Kodokan

Ke age, Calcio dal basso (Kime no kata)

Keibu seimyaku, Vaso giugulare

Keiko, Allenamento

Keikoba, Luogo d’allenamento

Keikogi, Divisa di cotone bianco per le arti marziali

Keikoku, Sanzione disciplinare

Kempo, Arte del pugno

Ken, Spada giapponese

Ken Pugno

Ke jutsu, Arte della spada

Ke suburi, Esercizi individuali con la spada

Ken tai jo, Tecniche con il bastone e la spada

Kendo, La via della spada, scherma giapponese

Kenka yotsu, Nel judo, presa contraria: uno fa la presa destra e l’altro a sinistra

Kenju, Pistola

Kenju dori, Presa a pistola

Ken ken, Saltello su una gamba.

Kensei, Kiai con concentrazione

Kensho Concentrazione spirituale

Kenyoho, Combinazione di metodi

Keri, Calcio

Keri waza, Tecniche di calcio

Kesa, Fascia, che è di traverso, trasversale

Kesa gatame, Nella lotta a terra: controllo a fascia

Ki, Potenza dello spirito, energia vitale del corpo. Concetto fondamentale del pensiero orientale

Kiai, “Unione delle energie”, urlo potente fatto in concentrazione

Kibisu, Tallone

Kibisu gaeshi, Rovesciamento con presa al tallone (tecnica di proiezione)

Kihon, Base, fondamentale

Kihon katachi kara, Forma di base

Kihon waza, Tecniche fondamentali, di base

Kiiro, Giallo

Kikai, Oceano del Ki

Kikai tanden, Centro addominale, sede del Ki

Kikan, Trachea

Kiken gachi, Vittoria per abbandono

Kime, Determinazione, energia, efficacia di penetrazione

Kime no kata, Forma della decisione

Kime shiki, Metodi per la decisione

Kimono, Termine generico per indicare l’abito tradizionale giapponese

Ki musubi, Unione del Ki, incontrarsi con l’energia dell’avversario

Kin, Basso ventre

Kin geri, Calcio al basso ventre

Ki no chikara, Potenza del Ki

Ki no nagare, Flusso del Ki, corrente dello spirito

Ki no nagare waza, Tecnica fluida

Kinu, Seta

Kinsa, Piccolo vantaggio

Kiri, Esprime l’azione del tagliare con un rapido movimento

Kiri kami, Primo diploma

Kiri komi, Colpire tagliando

Kiri oroshi, Tagliare dall’alto

Kiritsu, Alzarsi

Ki tai, Con il Ki

Kito ryu, Scuola di jujitsu

Kiza, Seduto con le gambe tese

Kizami, Improvviso

Ko, Piccolo

Ko, Anziano

Ko, Dorso del pugno

Kobore, Tibia

Kobudo, Arte marziale con pratica di armi “minori”: nunchaku, tonfa, sai, jitte, kusari, shiriken

Kobushi, Pugno normale

Ko dachi, Piccola sciabola

Kodansha, dal 5° dan in poi: i gradi della maestria

Koda ore, Tronco abbattuto. Figura del Koshiki no kata

Kodokan, Luogo per la ricerca della via

Kodokan goshin jutsu, Arte della difesa personale del Kodokan

Kogan kwatsu, Metodo di rianimazione con manipolazione dei testicoli

Kogeki shisei, Posizione d’attacco preferita

Kohai, Studente, allievo di basso grado

Kohaku shiai, Combattimento tra bianchi e rossi

Koho, Inversione di direzione

Koho tento, Esercizi di caduta all’indietro

Koho ukemi, Lettura sino-giapponese di ushiro ukemi

Kojiki, Miti giapponesi delle origini

Koka, Punteggio arbitrale corrispondente ad un piccolo vantaggio (obsoleto)

Kokore e, Spirito sincero di competizione

Kokoro, Cuore, spirito

Kokutsu, Indietro, arretrato

Kokutsu dachi, Posizione arretrata

Kokyu, Respirazione, concentrazione ed armonizzazione con la natura

Kokyu nage, Proiezione sfruttando la potenza del respiro

Kokyu ryuko, Potenza del respiro

Kokyu ryoku no yosei ho, Esercizio per sviluppare la forza della respirazione

Kokyu tanden ho, Esercizio di armonizzazione delle energie vitali di tori e uke

Komi, Interno, sotto, sollevato

Konban wa, “Buona sera!”

Konnichi wa, “Buongiorno!”

Kori, Piedi

Kosa, Incrocio

Kosa dachi, Posizione con i piedi incrociati

Koshi, Vita, anca, tutta la zona dorso-ventrale

Koshi guruma, Ruota sull’anca (tecnica di proiezione)

Koshi jime, Strangolamento con l’aiuto dell’anca

Koshi nage, Proiezione con movimento di torsione del busto o delle anche

Koshiki no kata, Forma delle cose antiche

Koshi waza, Tecniche d’anca

Ko soto gake, Piccolo agganciamento esterno (tecnica di proiezione)

Ko soto gari, Piccola falciata esterna (tecnica di proiezione)

Ko tai, Duro

Kotai, Cambio di persona, movimento a tergo

Kote, Polso

Kote gaeshi, Proiezione con torsione esterna del polso

Kote hineri, Torsione del polso diretta o inversa

Kote mawashi, Torsione interna del polso

Koto dama, Pratica dei suoni, parole sacre

Ko uchi gari, Piccola falciata interna (tecnica di proiezione)

Ko uchi makikomi, Piccolo arrotolamento

Koyubi, Dito mignolo

Ko waza, Tecniche di piccola ampiezza

Koza, Seduto a gambe incrociate

Kozuka, Piccolo pugnale affilato senza tsuba, solitamente inserito nel fodero della katana insieme ad una sorta di spillone (kogai)

Ku, Nove

Kubi, Collo

Kubi nage, Proiezione con presa al collo

Kubishime, Strangolamento

Kuchi, Bocca

Kuchiki daoshi, Albero tarlato (tecnica di proiezione)

Kudasai, “Per favore!”

Kuki, Aria

Kuki nage, Proiezione fluttuante

Kumi, Incontrare

Kumi jo, Tecniche di bastone

Kumi kata, Forma delle prese

Kumi tachi, Tecniche con la spada

Kumite, Incontro di mani, combattimento

Kun, Precetto, regola

Kunginuki, Forbici

Kurai, Segreto, consapevolezza, essenza interiore

Kurai dori, Controllo dell’altrui consapevolezza

Kuriiro, Marrone

Kuro, Nero

Kuruma, Ruota

Kuruma daoshi, Caduta a ruota. Figura del Koshiki no kata

Kuruma gaeshi, Rovesciamento a ruota. Figura del Koshiki no kata

Kutsu, Atteggiamento, condizione

Kuzure, Variante. Termine che viene premesso alla tecnica fondamentale per indicare che si tratta di una sua variante

Kuzure kesa gatame, Variante di Kesa gatame (tecnica di controllo)

Kuzure kami shiho gatame, Variante di Kami shiho gatame (tecnica di controllo)

Kuzure yoko shiho gatame, Variante di Yoko shiho gatame (tecnica di controllo)

Kuzushi, Squilibrio

Kwai, Centro, scuola, società

Kwatsu / Kwappo, Tecniche di rianimazione

Kyo, Principio, gruppo di movimenti

Kyo, Finta di combattimento

Kyodo, Movimento

Kyohon, Principi fondamentali

Kyosen, Plesso solare

Kyoshi, Titolo attribuito ai 7° e 8° dan per indicare il raggiungimento di un livello di perfezione interiore.

Kyoshi / Kokyoshi, Posizione a terra, con busto eretto, un ginocchio sollevato, gamba divaricata e mano in appoggio

Kyu, Grado attribuito agli allievi senza dan (mudansha), in tutto 6

Kyudan, Insieme di gradi inferiori (kyu) e superiori (dan)

Kyudo, Via dell’arco

Kyusho, Punti vitali del corpo

 

 

Ma, Distanza

Ma ai, Giusta distanza dall’avversario

Machi, Città

Mae, Frontale, in avanti

Mae ashi, Gamba che sta avanti

Mae ashi geri, Calcio dritto con la gamba che sta avanti

Mae geri, Calcio frontale

Mae geri kekomi, Calcio frontale spinto

Mae hiji ate, Percossa frontale con il gomito

Mae muki, Fronteggiarsi

Mae mawari, Rotazione o rotolamento verso avanti

Mae mawari ukemi, Caduta rotolata in avanti

Mae ukemi, Caduta in avanti

Maitta, “Mi arrendo!”

Make, Sconfitta

Maki, Rotolo

Makikomi, Arrotolarsi dentro, avvolgersi

Makiwara, Tavola di legno verticale fissata alla base per allenamento di colpi con la mano

Makura, Cuscino

Makura kesa gatame, Immobilizzazione facendo cuscino

Mama, Nessun cambiamento

Maru, Cerchio

Masakatsu, Vera vittoria

Ma sutemi waza, Tecniche di proiezione in cui tori si lascia cadere sul dorso

Mata, Coscia

Mate, “Fermi!”

Mato, Punto vulnerabile

Matsukaze, Carotide

Mawaru, Girare

Mawashi, Rotazione

Mawatte, Girate

Me, Occhio, visione, sguardo

Men, Faccia, volto

Menkyo, Attestato

Menkyo kaiden, Diploma attestante che l’allievo ha completato la sua formazione, ha imparato tutto

Metsubushi, Colpo agli occhi portato con le dita

Metsuke, Penetrare con lo sguardo

Mi, Corpo

Mi ateru, Corpo a corpo

Mi kudaki, Fracassare il corpo. Figura del Koshiki no kata

Michi, Via

Midori, Verde

Migaku, Lucidare

Migi, Destra

Migi ashi dachi, Posizione con piede destro avanzato

Migi eri dori, Presa al bavero destro (Kodokan goshin jutsu)

Mimi, Orecchio

Minisan, Voi tutti

Minna, Tutto

Miru no kokoro, Spirito della visione, visione globale dell’avversario e di ciò  che circonda in un unico spazio-tempo

Misogi, Purificazione

Mizu, Acqua

Mizi guruma, Ruota d’acqua, Figura del Koshiki no kata

Mizu iri, Lasciar scorrere l’acqua. Figura del Koshiki no kata

Mizu nagare, Corrente d’acqua. Figura del Koshiki no kata

Mizu no kokoro, Il cuore come l’acqua, calma perfetta dello spirito non aggressivo e capace di resistere

Mochi, Afferrare, prendere con le mani

Mochiage otoshi, Sollevare e proiettare con entrambe le braccia

Mokuroku, Catalogo delle tecniche, certificato di conoscenza delle tecniche

Mokuso, Meditazione

Momo, Interno della coscia

Mon, Stemma, blasone

Montei, Discepolo

Morote, Con entrambe le mani

Morote dori, Presa al polso con due mani

Morote gari, Falciata con entrambe le mani (tecnica di proiezione)

Morote seoi nage, Proiezione ottenuta caricando sul dorso con le due mani

Morote tsuki, Colpo con due pugni

Morote uchi, Colpo a due mani

Mu, Vuoto, nulla, concetto di negazione

Mudansha, Allievo di un’arte marziale che non ha cintura nera (dan) ma soltanto kyu

Mu gamae, Assenza di guardia

Mykyu, Allievo che non possiede ancora alcun grado kyu

Mune, Petto

Mune dori, Presa al petto

Mune gatame, Controllo del petto

Mune oshi, Spingere il petto

Mune tsuki, Colpi di pugno al petto

Musha shugyo, Allenamento austero

Mushin, Stato della mente che non è fissata su alcunché ma aperta a tutta la realtà, come uno specchio

Mutsubi, Armonia unione

Mutsubi kata, Modo di annodare la cintura

 

 

N 

Nagare, Flusso, corrente

Nage, Proiezione

Nagekomi, Nel Judo, esercizio di proiezione complementare all’uchi komi

Nage no kata, Forma delle proiezioni

Nage waza, Tecniche di proiezione

Nageru, Proiettare, gettare

Naginata, Specie di lancia terminante con una lunga lama

Nai, No

Nami, Normale, semplice

Nami, Frangenti, flutti

Nami chowa, Schivata in armonia con il movimento di attacco

Nami juji jime, Strangolamento a mani incrociate con presa normale, col dorso delle mani rivolto in alto

Naname, Diagonale, obliquo

Naname tsuki, Colpire col coltello in diagonale (Kodokan goshin jutsu)

Naname uchi, Fendere diagonalmente con la mano (Ju no kata)

Natsu geiko, Allenamento estivo

Ne, Disteso, coricato, a terra

Nejiru, Torcere, slogare

Ne kata, Metodo per portarsi a terra

Ne waza, Tecniche di combattimento a terra

Nidan, Doppio, due volte

Nidan biki, Ripetizione di una tecnica non riuscita al primo tentativo

Nigeru, Schivare fuggire

Nige waza, Tecnica di fuga nella lotta a terra

Nigori, Impurità; coppia di apostrofi che modifica il suono dei kana fondamentali, dando luogo ai kana impuri.

Nihon/Nippon, Giappone

Nin jutsu, Arte del Ninja, agente segreto

Ninja, Agente segreto, sicario, assassino

No, Preposizione ‘’di’’

No, Una delle forme del teatro giapponese

Nobashi, Distensione

Nobasu, Distendere

Nodo, Gola

Nodowa, Nel Judo: presa alla gola fra indice e pollice

Nogare kata, Forma dei rovesciamenti

Noto, Azione del rinfoderare la spada dopo aver scrollato il sangue dalla lama (chiburi)

Nukigake, Sfoderare la spada (Kime no kata)

Nukitsuke, Arte dell’estrarre la spada e colpire l’avversario prima che questi riesca ad estrarre la spada

Nunchaku, Strumento d’uso contadino formato da due cilindri di legno uniti da una catena o da una corda che serviva a battere la paglia di riso, in seguito utilizzato come arma minore

 

 

O 

O, Grande

Obi, Cintura

Obi dori, Presa alla cintura (Ju no kata)

Obi otoshi, Proiezione con presa in cintura

O goshi, Grande colpo d’anca (tecnica di proiezione)

O guruma, Grande ruota  (tecnica di proiezione)

Ohayo’gozaimasu, ‘’Buongiorno!’’

Oi, Avanzare

Ojigi, Inchino

Oki kata, Metodo per rialzarsi

Okuri, Inviare, mandare uno verso l’altro

Okuri ashi barai, Spazzare entrambi i piedi mandandoli uno verso l’altro (tecnica di proiezione)

Okuri eri jime, Strangolamento con presa ad entrambi i baveri da dietro (con prese incrociate)

Okuri ashi, Spostamento dei piedi, senza sollevarli, in modo che il posteriore avanzi prima che l’anteriore abbia completato il passo

Omote, Di fronte (rispetto all’avversario) “positivo”

Omote waza, Tecniche di entrata diretta, di fronte

Onjai, Stesso

Onaka, Addome

Onna, Donna

Oroshi, Tirare giù

Osae, Immobilizzazione, schiacciamento, pressione

Osae komi, Immobilizzato (comando arbitrale)

Osae waza, Tecniche d’immobilizzazione

Osaeru, Trattenere

O sensei, Grande maestro

Oshi, Spinta

Oshi daoshi (taoshi), Chiave articolare di braccio con pressione sul gomito di uke

Oshieru, Insegnare

O soto gari, Grande falciata esterna (tecnica di proiezione)

O soto guruma, Grande ruota esterna (tecnica di proiezione)

Otagai, Reciprocamente

Otagai ni rei, Saluto reciproco tra allievi

Oten, Girare sul fianco

Oten, Girare sul fianco

Otoko, Uomo

Otoshi, Far precipitare, caduta sul posto

Otoshi tsuki, Pugno cadente (dall’alto)

Otoshi uchi, Colpo cadente (dall’alto)

Otoshi uke, Parata dall’alto verso il basso

O uchi gari, Grande falciata interna (tecnica di proiezione)

Owari, Fine

O waza, Tecniche di grande ampiezza

Oyayubi, Dito pollice

Oyayubi ippon ken, Colpo portato col pollice

Oyo waza, Tecniche applicate

 

 

R 

Ran, Caos, confusione

Randori, Stile libero, esercizio di studio in movimento che simula il combattimento vero

Randori no kata, Esercizio di forma che comprende il Nage no kata e il katame no kata

Rei, Saluto di ringraziamento, con inchino

Reigi, Etichetta

Reigi saho, Regole di etichetta del dojo

Rei no kokoro, Spirito del rispetto, del saluto

Rei no shikata, Forma del saluto

Rei shiki, Cerimoniale, etichetta

Renraku, Combinazione, successione

Renraku waza, Tecniche di combinazione

Renshi, Titolo attribuito ai 5° e 6° dan per indicare che hanno raggiunto un livello superiore di conoscenza

Renshu, Allenamento

Renzoku waza, Tecniche in successione

Ri, Morale, rispondente ad un giusto comportamento

Ritsurei, Saluto di ringraziamento, con inchino, in piedi rivolta alla persona cui è destinato

Roku, Sei

Ronin, Samurai che non ha più un Signore a cui obbedire

Roppo, Le sei direzioni

Ryo, Entrambi, tutti e due

Ryo eri jime, Presa al bavero con mani incrociate

Ryogan, Tutti e due gli occhi

Ryogan tzuki, Colpo ai due occhi (Ju no kata)

Ryo kata oshi, Spinta alle due spalle dall’alto (Ju no kata)

Ryoku, Forza potere

Ryoku hi, Evitare l’uso della forza, Figura del Koshiki no kata

Ryote, Entrambe le mani

Ryote dori, Presa ad entrambi i polsi

Ryote jime, Strangolamento con presa ad entrambi i baveri con mani non incrociate

Ryote kasumi, Fare nebbia con le due mani. Figura del Koshiki no kata

Ryu, Scuola, stile

Ryu, Salice

Ryu setsu,La neve sul salice. Figura del Koshiki no kata

Ryu tai. Fluido (aggettivo)

Ryugi, Stile, insegnato in un Ryu

 

 

Sa, Sinistra

Sabaki, Movimento di rotazione del corpo

Sageo, Legaccio attaccato al fodero della satana

Saho, Buone maniere

Saika tanden, Basso ventre

Saka, Precipizio

Saka otoshi, Caduta a precipizio. Figura del Koshiki no kata

Sake, Bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione del riso

Saki, Prima

Saki no saki, Prima di prima. Nel Judo : anticipare di un passo

Sakotsu, Clavicola

Sakura, Fiore del Ciliegio. Simbolo molto importante perché rappresenta tre principi fondamentali: Yamato damashi (l’anima del Giappone), Yamato Kokoro (il culto delle idee giapponesi), Bushido (il codice d’onore dei samurai)

Sameru, Attaccare

Samurai, Guerriero professionista feudale giapponese, al servizio di un signore

San, Tre

San, Suffisso per: signore, signora

Sankaku, Triangolo

Sankaku gatame, Controllo a triangolo. Tecnica d’immobilizzazione

Sankaku jime, Strangolamento a triangolo, fatto con le gambe

Sankaku tai, Forma (posizione del corpo) triangolare

Sannen goroshi, Metodo (segreto) per provocare la morte a distanza di tempo

Sasae, Tenere, mantenere

Sasae tsuri komi ashi, Trattenere il piede tirando e sollevando (tecnica di proiezione)

Sasoi Katsu, Metodo (induttivo) di rianimazione

Sa soku, Lato sinistro, piede sinistro

Sasoku, Stato di lucidità

Satori, Stato di illuminazione, di beatitudine, di comprensione totale e superiore della realtà

Satsu jin ken, Uccisione, distruzione dell’avversario

Saya, Fodero della katana

Sayonara, Arrivederci!

Sayu, Destra e sinistra

Se, Schiena, dorso

Seifuku, Arte di rimettere a posto le articolazioni

Seika no itten, Il punto unico o centro dell’uomo

Seika tanden, Centro della regione addominale (2-3 dita sotto l’ombelico), sede delle energie psicofisiche dell’uomo.

Seiki, Forza vitale

Seimei, La vita

Sei ryoku sai zen katsuyo, Miglior impiego dell’energia. Principio della massima efficienza nell’utilizzare la mente e  il corpo.

Sei ryoku zen’yo, Forma contratta di Sei ryoku sai zen katsuyo

Sei ryoku sen’yo kokumin taiiku no kata, Forma dell’educazione fisica nazionale basata sul principio della massima efficienza

Seisuru, Controllare

Seiza, Sedere sui talloni, posizione inginocchiata

Sempai, Allievo anziano

Sen, Iniziativa

Sen no sen, Iniziativa che anticipa un’altra iniziativa. Iniziativa sull’iniziativa

Senaka, Schiena

Sensei, Maestro, professore, chi dirige un dojo

Sensei ni rei, Saluto al maestro

Seoi, Sulla schiena, sul dorso

Seoi nage, Proiezione sulla schiena

Seoi otoshi, Proiezione sulla schiena facendo precipitare

Seppuku, Suicidio rituale mediante il taglio a L dell’addome

Sessoku, Contatto

Shi, Dito

Shi, Quattro

Shiai, Combattimento con arbitro

Shiai jo, Superficie su cui si combatte

Shiatsu, Tecnica di massaggio, con le dita su punti particolari del corpo; Shi (dito) Atsu (premere)

Shibori, Strangolare

Shibori waza, Tecnica di strangolamento

Shichi, Sette

Shido, Massima virtù

Shido, Avvertimento, penalità inflitta dall’arbitro

Shihan, Titolo superiore attribuito nelle arti marziali al fondatore di una disciplina

Shihan ni rei, Saluto al maestro fondatore

Shiho, Quattro lati, quattro membra, quattro direzioni

Shiken, Esame

Shiki, Coraggio

Shiki futon, Materasso, stuoia in cotone

Shikko, Camminare sulle ginocchia

Shikoro, Serie di lamine in metallo poste sul retro dell’elmo dell’armatura giapponese a protezione del collo

Shikoro dori, Presa all’elmo. Figura del Koshiki no kata

Shikoro gaeshi, Rovesciamento tramite l’elmo. Figura del Koshiki no kata

Shime, Strangolamento

Shime waza, Tecnica di strangolamento

Shimei, Attacco che potrebbe rivelarsi mortale

Shimeru, Chiudere

Shimoseki, Lato delle posizioni inferiori, rispetto a Joseki

Shimoza, Lato inferiore, rispetto a Kamiza

Shimpan, Giuramento

Shin, Sincerità, mente, spirito

Shinban, Arbitro

Shin bu honrai fuji, La via degli Dei e la via del Bu sono la stessa cosa

Shinai, Spada di bambù

Shingitai, Shin valore morale, Gi capacità tecnica, Tai vigore fisico. Il dansha che possiede il Shingtai riunisce in sé anche il cielo (shin) la terra (gi) e l’uomo (tai) ed è un uomo completo

Shinken, Reale

Shinken shobu, Duello di vita o di morte

Shinken shobu waza, Tecniche di combattimento reale

Shinnyo, Esperienza

Shintai, Tecniche di spostamento del corpo facendo scivolare i piedi sul suolo

Shinto, La via degli Dei, religione giapponese

Shio, Tutte

Shiroi, Bianco

Shisei, Posizione

Shita, Lingua, sotto, basso

Shitei, Rapporto tra allievo ed insegnante

Shitsu, Cavità poplitea

Shitsumon, Domanda

Shitsumon keiko, Parte dell’allenamento riservato alle domande

Shittsui,  Cavità poplitea

Shiwari, Rottura

Shizen, Naturale

Shizen hontai, Posizione naturale

Sho dan, Principiante, primo grado di cintura nera

Shobu, Combattimento

Shochu, Estate

Shochu geiko, Allenamento estivo

Shogun, Generale in capo, massima carica militare attribuita dall’imperatore del Giappone

Shomen, Parte frontale, davanti

Shomen ni rei, Saluto verso la parete principale, saluto a Jigoro Kano Shihan

Shomen tsuki, Colpo frontale con pugno

Shotai renshu, Esercizi in coppia

Sho to, Spada corta, wakizashi

Shu chu, Concentrazione

Sochin dachi, Posizione consolidata

Sode, Manica del Keikogi

Sode dori, Presa alla manica (Kime no kata)

Sode guchi, Imboccatura della manica

Sode guchi dori, Presa all’imboccatura della manica

Sode guruma jime, Strangolamento con le maniche a ruota

Sode tsurikomi goshi, Tecnica di proiezione in cui si solleva con presa alla manica

Soeru, Attacco

Sogo, Reciproco, combinato

Sogo gachi, Vittoria composta, ottenuta sommando un vantaggio ad una penalità dell’avversario (es. waza ari + keikoku)

Soku ho, Di lato

Soku ho ukemi, Lettura sino-giapponese di Yoko ukemi

Sono  mama, Così com’è; comando impartito dall’arbitro durante una gara di judo per fissare una situazione

Sore made, Fine del combattimento

Sotai, Libero

Sotai renshu, Studio a coppie delle tecniche, allenamento libero

Soto, Esterno

Soto makikomi, Avvolgimento esterno (tecnica di proiezione)

Su dori, Proiezione eccessiva con uke che si proietta volontariamente

Suigetsu, Plesso solare

Sukashi, Schivata

Sukashi waza, Tecniche eseguite prima che l’avversario riesca ad afferrare

Suki, Punti deboli, aperture

Suki ma, Distanza tra due avversari, in katame waza

Sukui, Cucchiaio

Sukui nage, Lancio a cucchiaio (tecnica di proiezione)

Sumi, Angolo

Sumi gaeshi, Rovesciamento nell’angolo (tecnica di proiezione)

Sumi otoshi, Proiezione nell’angolo

Sumo, Lotta tradizionale giapponese

Suri age, Colpire strisciando verso l’alto (Kime no kata)

Suru, Strisciare

Suru, Fare

Suso, Risvolto della casacca

Susumi, Avanzare

Sutemi, Sacrificio, rischiare la vita per vincere

Sutemi waza, Tecniche di sacrificio utilizzate pur di vincere

Suwari waza, Tecniche eseguite dalla posizione inginocchiata

Suwaru, Sedersi

 

 

T 

Tachi, Stare in piedi

Tachi, Spada un po’ più lunga della katana

Tachi ai, Dalla posizione eretta, tecniche in piedi del Kime no kata

Tachi dori, Tecniche su attacco con spada

Tachi rei, Saluto in piedi

Tachi waza, Tecniche eseguite stando in piedi

Tae, Piede

Tai, Corpo

Tai jutsu, Arte del corpo, tecniche eseguite senza armi

Taiko, Tamburo da cerimonia

Taikyoku no kata, Kata di formazione del corpo

Tai otoshi, Caduta del corpo (tecnica di proiezione)

Tai sabaki, Rotazione del corpo

Taishi, Grande maestro

Taisho, Generale, capo

Taiso, Ginnastica specifica preparatoria per le tecniche

Take, Bambù, ardore marziale

Taki, Cascata

Taki otoshi, Il precipitare della cascata. Figura del Koshiki no kata

Tama/tamara, Palla, sfera

Tama guruma, Palla in cerchio, tecnica di proiezione simile a kata guruma

Tande, Centro della regione addominale, tre dita sotto l’ombelico

Tandoku, Solitario, individuale

Tandoku renshu, Esercizi preparatori individuali

Tani, Valle

Tani otoshi, caduta nella valle (tecnica di proiezione)

Taninzu, Persone

Taninzu gake, Allenamento contro vari agressori

Tanken, Pugnale, coltello

Tanken dori, Presa del coltello

Tanto, Pugnale, coltello

Tanto dori, Tecniche su attacco con pugnale

Taoshi, caduta

Tasu, Alzarsi, essere in piedi

Tatami, Materassina

Tate, Di fronte, sopra

Tate shiho gatame, Controllo (nella lotta a terra) su quattro punti stando sopra

Tate shuto, Mano a spada verticale

Tate tsuki, Colpo di pugno verticale

Tawara, Sacco di riso

Tawara gaeshi, Rovesciamento del sacco, movimento tipico di chi si carica un sacco pesante sulle spalle (tecnica di proiezione)

Te, Mano, braccio

Te gatana, Mano usata come spada

Te guruma, Ruota con la mano (tecnica di proiezione)

Te hodoki, Liberare le mani

Te sabaki, Movimento delle mani

Teiko , Resistenza

Teisho, Palmo della mano

Teisho tsuki, Colpo diritto col palmo della mano

Teisho uchi, Percorsa col palmo della mano

Teicho uke, Parata col palmo della mano

Teisoku, Pianta del piede

Tekubi, Polso

Tekubi kansetsu junan ho, Esercizio per i polsi

Tekubi osae, Immobilizzazione del polso

Tekubi undo, Esercizi di mobilizzazione e flessibilità del polso

Tekubi waza, Tecniche di polso

Ten, Cielo

Tenbin, Bilancia

Tenbin waza, Tecniche in cui il corpo dà l’impressione della bilancia

Tenkai, Rotazione del corpo di 180° allontanandosi dall’avversario

Tenno, L’imperatore del Giappone

Ten no kata, Kata del cielo

Tenshinage, Proiezione netta

Te waza, Tecniche in cui si utilizzano prevalentemente le braccia

To, Spada

Tobi, Salto

Tobi geri, Calcio volante

Tobi goshi, Saltare fuori

Tobi komi, Salto lungo, rotazione istantanea con saltello

Tode, Antico nome del karate

Todomeru, Fermare

Toho, Mano a punta di spada

Tokeru, Scioglier, allentare

Toketa, Comando arbitrale che indica l’interruzione del controllo

Tokui, Speciale favorito

Tokui kata, Forma preferita

Tokui waza, Tecnica preferita

Toma, Distanza lontana, circa mt. 1,20

Tomeru, Fermare

Tomoe, Linea curva, a cerchio

Tomoe nage, Proiezione a cerchio

Tori, Chi è attaccato ed esegue le tecniche

Torite, Antica forma di Jujitsu

Toru, Prendere, afferrare

Toshu, A mani vuote

Toshu no bu, Parte del Kodokan goshin jutsu eseguita senza armi

Tsuba, Paracolpi della spada, elsa lavorata delle katane

Tsubame, Rondine

Tsubame gaeshi, Contraccolpo simile al volo di una rondine (Tecnica di proiezione)

Tsugi, A seguire

Tsugi ashi, Spostamento dei piedi, senza sollevarli, durante il quale il piede arretrato non supera mai quello che è davanti

Tsugu, Seguire in ordine

Tsuka, Impugnatura della sciabola

Tsukene, Inguine

Tsukeru, Attaccare

Tsuki, Colpo dritto, pugno diretto

Tsuki, Luna

Tsuki age, Pugno montante (Ju no kata, Kime no Kata)

Tsuki dashi, Trafiggere con la mano (Ju no kata)

Tsuki no kokoro, Spirito calmo come la luna

Tsukkake, Colpire direttamente (Kime no kata, Kodokan goshin jutsu)

Tsukkomi, Colpire trafiggendo, spingere (Kime no kata)

Tsukkomi jime, Strangolamento fatto spingendo direttamente (un bavero)

Tsukkomu, Spingere con forza

Tsukuri, Movimenti preparatori per eseguire una tecnica

Tsuma, Dita dei piedi

Tsumasaki, Punta delle dita

Tsuri, Pescare

Tsuri age, Colpo al mento dal basso verso l’alto (Kime no kata)

Tsuri goshi, Colpo d’anca pescando (tecnica di proiezione)

Tsuri komi, Pescare e sollevare

Tsuri komi goshi, Colpo d’anca tirando e sollevando (tecnica di proiezione)

Tsurite, Presa della meno usata per sollevare

Tsuyoi, Forte

Tsauyoku, Fortemente, con forza

 

 

U 

U, Destra

Uchi, Dentro, interno

Uchi, Colpo

Uchikomi, Mettere dentro, esercizio ripetitivo di Judo

Uchi deshi, Discepolo interno, diretto

Uchi kudaki, Fracassare d’un colpo. Figura del koshiki no kata

Uchi makikomi, Avvolgimento interno (tecnica di proiezione)

Uchi mata, Colpire l’interno della coscia (tecnica di proiezione)

Uchi mata sukashi, Evitare uchi mata (tecnica di proiezione)

Uchi mawari, Passare internamente

Uchi oroshi, Colpo dall’alto (Ju no kata)

Uchi waza, Tecniche di percossa

Uchugawa, Interno, lato interno

Ude, Braccio

Ude de mosu, Presa da sopra

Ude garami, Avvolgere il braccio, torsione del braccio

Ude hishigi hiza gatame, Controllare con il ginocchio  la leva del braccio

Ude hishigi juji gatame, Controllo incrociato con leva al braccio

Ude hishigi ude gatame, Controllo della leva al braccio fatto con le braccia

Ude hishigi hara gatame, Controllo della leva al braccio fatto con l’addome

Ude hishigi te gatame, Controllo della leva al braccio fatto con la mano

Ude hishigi waki gatame, Controllo della leva al braccio fatto con l’ascella

Ude hishigi sankaku gatame, Controllo della leva al braccio con presa a triangolo

Ude kara, Da sopra

Ude kime nage, Proiezione con leva sotto al braccio

Ude nobashi, Immobilizzazione con leva al braccio

Ude nobasu, Estendere il braccio

Ude osae, Immobilizzazione del braccio a terra

Ude uke, Parata col braccio

Ue, In alto, sopra

Uho, Verso destra

Uke, Colui che fa la parte dell’attaccante, che viene guidato o proiettato, che subisce l’azione

Ukemi, Cadute

Uki, Fluttuante

Uki gatame, Controllo fluttuante

Uki goshi, Colpo d’anca fluttuante (tecnica di proiezione)

Uki otoshi, Caduta fluttuante (tecnica di proiezione)

Uki waza, Tecnica fluttuante (tecnica di proiezione)

Undo, Esercizio

Un’yo, Applicazione

Ura, Retro, rispetto all’avversario, rovescio, negativo, opposto, nascosto

Uraken, Dorso del pugno chiuso

Ura nage, Proiezione all’indietro

Ura sankaku, Triangolo rovesciato

Ura shiho gatame, Controllo su quattro punti da dietro al rovescio

Ura waza, Tecniche all’indietro

Ushiro, Indietro

Ushiro dori, Presa da dietro (Kime no kata)

Ushiro empi uchi, Colpo di gomito all’indietro

Ushiro eri kubi dori, Presa al bavero da dietro all’altezza del collo

Ushiro eri dori, Presa al bavero da dietro (Kodokan goshin jutsu)

Ushiro goshi, Colpo d’anca all’indietro

Ushiro hiji ate, Colpo di gomito all’indietro

Ushiro jime, Strangolamento da dietro (Kodokan goshin jutsu)

Ushiro katake dori kubi shime, Presa al polso da dietro con strangolamento

Ushiro katake mune dori, Presa al polso ed al petto da dietro

Ushiro kesa gatame, Kesa gatame con controllo da dietro

Ushiro kubi shime, Presa alla gola da dietro

Ushiro mawari, Rotazione verso indietro

Ushiro mawashi, Rotazione all’indietro del corpo di 360°

Ushiro ryo kata dori, Presa alle spalle da dietro

Ushiro ryote dori, Presa ai polsi da dietro

Ushiro tsugi ashi, Movimento di tsugi ashi all’indietro

Ushiro ukemi, Cadute all’indietro

Ushiro waza, Tecniche in cui tori è attaccato da dietro

Uta, Poesia brevissima, di 31 sillabe

Ute,, Colpite!

Utsu, Colpo

Utsui, Sollevare

Utsuri, Cambiamento, spostamento

Utsuri goshi, Colpo d’anca spostandosi (tecnica di proiezione)

Uwagi, Giacca

Uzumaki, Mulinello, segnale arbitrale per indicare scarsa combattività

 

 

Wa, Particella grammaticale che indica il soggetto di una frase

Wa, Pace, armonia, accordo

Wado, La via della pace

Waka sensei, il Giovane sensei

Wakare, Separazione

Waki, Ascella

Waki, Difesa, di lato, lateralmente

Waki gamae, Posizione laterale de guardia

Waki otoshi, Proiezione con l’ascella

Waki ho shita, Ascella

Wakizashi, “Compagno di cintura” spada corta che si appaiava abitualmente con la katana

Wasureru, Dimenticare

Waza, Tecnica

Waza ari, Nel Judo; punteggio leggermente inferiore a Ippon

Waza ari awasete ippon, Ippon ottenuto sommando due waza ari

 

 

Y 

Ya, Freccia

Yaburi, Distruzione, sconfitta

Yakusoku, Opportunità, promessa, convenzione

Yakusoku geiko, Esercizio del Judo simile al randori, ma con limitazioni concordate

Yakuza, Mafia

Yama, Montagna

Yama arashi, Tempesta sulla montagna (tecnica di proiezione)

Yamabushi, Monaco guerriero

Yamato, La dinastia imperiale giapponese, e per estensione il Giappone e i giapponesi

Yamato damashi, L’anima del Giappone

Yamato Kokoro, Il Culto delle idee giapponesi

Yari, Termine generico per indicare tipi di lance e alabarde

Yarido /Yari jutsu, Addestramento nell’uso dello yari

Yawara, Cedevolezza, armonia, antenato del Judo e Jujitsu

Yen, Moneta giapponese

Yo, Positivo attivo

Yoki, Coltivare energia

Yoko, Laterale

Yoko gake, Agganciamento laterale (tecnica di proiezione)

Yoko geri, Calcio laterale

Yoko Guruma, Ruota sul fianco (tecnica di proiezione)

Yoko hiji hate, Colpo di gomito laterale

Yoko otoshi, Proiezione laterale

Yoko shiho gatame, Nella lotta a terra controllo laterale su quattro punti

Yoko sutemi waza, Tecniche di sacrificio con caduta di tori laterale

Yoko tobi geri, Calcio volante laterale

Yoko tomoe, Proiesione a cerchio sul fianco

Yoko tsuki, Colpire di fianco (Kodokan goshin jutsu)

Yoko uchi, Colpire lateralmente (Kime no kata)

Yoko ukemi, Caduta laterale

Yoko wakare, Separazione su un fianco (tecnica di proiezione)

Yokomen, Parte laterale della testa

Yokomen uchi, Colpo laterale alla testa portato dall’alto in basso

Yokozuna, Cintura di campione di Sumo

Yon, Altro modo di indicare il numero quattro

Yori ashi, Avvicinamento

Yoroi, Armatura completa del Samurai

Yoroi, Kumi uchi, Combattimento con l’armatura

Yoshi, Interiezione usata per esortare e decidere. Nel judo: comando arbitrale per far riprendere il combattimento dopo il sono mama

Yu, Esistere

Yubi, Dito

Yubi hasami, Dito a forbice

Yudachi, Acquazzone improvviso. Figura del Koshiki no kata

Yudansha, Chi ha conseguito al cintura nera

Yugen, Lo spirito che traspare

Yuki, Coraggio

Yuki, Neve

Yuki ore, Ramo rotto dalla neve. Figura del Koshiki no kata

Yuko, Valido efficace. Nel Judo: punteggio inferiore al waza ari

Yume no uchi, Nel sogno. Figura del Koshiki no kata

Yumi kobushi, Polso piegato

Yusei gachi, Vittoria per superiorità

Yu wa, Amicizia

 

 

Za, sedile seggio, posizione seduta

Za ho, Modo di sedersi sui talloni

Za rei, Saluto tradizionale seseguito in ginocchio

Zagi kokyu ho, Esercizio di respirazione stando seduti

Zaizu,Sedie di legno

Zanshin, Stato di allerta del combattente dopo aver colpito l’avversario per timore di una reazione.

Zazen, Pratica della meditazione zen in posizione seduta

Zempo, Direzione frontale, saltato

Zempo kaiten ukemi, Lettura sino-giapponese di mae mawari ukemi

Zen, Meditazione sulla via

Zendo, Sala di meditazione

Zoori, Sandali infradito in paglia intrecciata

Zubon , Pantaloni del keikogi